Italia Like a Local

Ferrara: la città a misura d’uomo da visitare come un local

Ferrara

Ferrara è quella tranquilla cittadina dall’animo ancora un po’ di provincia, che ti accoglie alla mattina con il profumo del pane appena sfornato. Quando mi chiedono di parlare di Ferrara, dico sempre che è la classica città a misura d’uomo, da girare rigorosamente a piedi o in biciletta come i ferraresi, e cela in ogni angolo qualcosa di particolare.È piccola, è vero, in un paio di giorni la si gira tranquillamente tutta, ma si sa, è nella botte piccola che sta il vino buono!

Quando Elisa e Simone mi hanno chiesto di scrivere questo post dedicato ai luoghi più insoliti e alle chicche che solo un local può conoscere della sua città, ho iniziato ad arrovellarmi per pensare a qualche luogo insolito non presente nelle guide turistiche tradizionali, ai locali meno noti ma che meritano davvero una visita e soprattutto a qualche scorcio di provincia ferrarese che merita sicuramente di essere visitato.

Ferrara da girare

Iniziando dal centro storico non si può non girare per le viuzze medievali della città, imperdibili Via delle Volte, Via Vittoria e Via Saraceno, tra le più storiche e a mio avviso tra le più suggestive da vedere e da fotografare.

Ma Ferrara non è solo arte e vie medievali, cela anche un urban-style tutto suo, fatto di murales bucolici e graffiti artistici. La zona di via Dosso Dossi è un luogo di ricca sperimentazione artistica, in pieno centro ma più defilato dalle vie classiche, è una zona particolarmente frequentata dai ragazzi che studiano nei licei dei dintorni. Inoltre, nel sottopassaggio di accesso al parcheggio diamanti, proprio di fronte a via Dosso Dossi, è possibile ammirare due graffiti dedicati a Boldini, De Chirico e proprio Dosso Dossi!

Sapevate che Ferrara è la città metafisica per eccellenza? Nella rotonda di Piazzale San Giovanni, troverete il grande metafisico, una particolare statua, omaggio a Giorgio De Chirico che passò gli anni del suo ricovero nella città estense, una statua suggestiva e particolare, che permette quasi di entrare dentro un quadro del grande artista.

Ferrara è fatta anche di contraddizioni, così, girando per le vie più antiche del centro, arrivando in via Porta San Pietro, potete trovare una vecchia chiesa ma con una strana insegna fuori: “il Mignon”. Quello che era un luogo sacro, è diventato uno dei più noti cinema a luci rosse della città, ogni tanto lo si trova aperto, è il nostro piccolo paradosso tutto ferrarese!

Cinema “Il Mignon”

#Local Tips

A proposito di fotografia, bisogna fare assolutamente qualche scatto della città dall’alto! Due punti panoramici soprattutto, sono i migliori per godersi una bella vista della città:

  • Il primo, il più noto è il Castello Estense. Dalle sue sale fino al famoso giardino degli aranci si può godere di una bellissima vista sulla piazza circostante. Il vero punto forte è però la vista dalla Torre dei Leoni, accessibile con un sovrapprezzo di 2€ sul biglietto, vale la pena spenderli per godersi lo spettacolo dall’alto.
  • Secondo punto, meno conosciuto, sono le finestre dell’ultimo piano di Palazzo Crispino. Il palazzo, ora sede della libreria Libraccio, offre all’ultimo piano una vista privilegiata su tutta la piazza e sul suo famoso Listone, l’allora Piazza delle Erbe.

Ferrara da mangiare

Scorcio di trattoria ferrarese

Ma quanto è buona la cucina ferrarese? Forse sono un filo di parte! A Ferrara la gastronomia da il meglio di se a partire dalla coppia, il famoso pane ferrarese che accompagna i pasti principali, un must sulle tavole di tutte le famiglie ferraresi. Passiamo poi ai famosi cappellacci ripieni di zucca, fino alla salamina da sugo e la torta tenerina, le tipicità della città accompagnano dall’antipasto al dolce.

Volete assaggiare i cappellacci in una versione più street food e magari ordinarli come take-away? Allora Take Eat Easy in Viale Cavour è il luogo giusto per voi. Nella cornice del parco, affacciato su una delle arterie principali della città, questo chiosco propone i cappellacci in una versione più street, da gustare all’ombra degli alberi o da portare via.

In centro città ci sono tanti locali dove mangiare tipico, tutti provati e tutti consigliati, ma se una sera volete variare il menù magari mangiare in una location insolita, allora dovete assolutamente prenotare un tavolo al Sebastian Pub, la nave ristorante sulla darsena della città.

In via Darsena, 53 troverete una grande nave, attraversando il suo pontile, entrerete in uno scenario nautico degno di un film! Qui potete gustare gli hamburger più grandi e buoni della città. L’unico allert è che parliamo di un locale per comitive e per famiglie, quindi se siete poco propensi al caos e ai bambini, forse è meglio cambiare locale o prenotare molto presto!

Ferrara e la provincia

Se vi trattenete a Ferrara più di un giorno, valutate di dedicare una mezza giornata alla sua provincia. Ci sono tante zone molto belle, ma la più scenografica è sicuramente Comacchio.

La piccola Venezia come viene chiamata, per via dei tanti ponti e canali che caratterizzano il centro storico, è uno dei luoghi più caratteristi della provincia ferrarese. Il museo del delta antico permette un vero viaggio indietro nel tempo, quando il delta del Po era uno dei principali porti dell’Adriatico, con reperti di antichissima manifattura ancora ben conservati. Non lasciatevi sfuggire un giro in barca lungo le Valli di Comacchio, vi permetterà di conoscere paesaggi suggestivi patrimonio UNESCO e conoscere da vicino l’attività principale della zona, la pesca delle anguille, la regina delle tavole comacchiesi.

Ferrara è così, si giostra tra storia e natura, tra mare e terra, tra antico e moderno, è una città piena di sfumature da scoprire passo a passo, tra un piatto di cappellacci e un “ciao bel” detto dai vecchietti in bicicletta.

Sara Govoni


L’autrice dell’articolo:

Ciao a tutti!
Mi chiamo Sara e Cappellacci a Merenda è il mio piccolo diario digitale dedicato a due mie grandissime passioni: viaggiare e Ferrara, la mia città.

Nel mio Blog racconto di Ferrara vista con i miei occhi, gli occhi curiosi di chi si vuole sempre meravigliare, gli occhi di una giovane cittadine che alla prima occasione buona scappa dalla città per andarne a visitare di nuove. Ferrara ma non solo quindi!
Parlerò di viaggi, di stili di vita, di buon cibo e di eventi culturali.

Benvenuti nel mio mondo digitale, Vi aspetto!

 

Dove trovare Sara, Cappellacci a Merenda:

Italy you don't expect
Leave a Comment