sostenibilità

Lifestyle

4+1 destinazioni e consigli utili per trascorrere il Carnevale 2020 in modo green

Carnevale ecosostenibile in Italia

Se c’è una ricorrenza che appassiona e coinvolge grandi e piccini, senza dubbio è il Carnevale! Feste in maschera e sfilate nelle piazze italiane sono solo alcuni degli eventi organizzati per il Carnevale 2020, che prenderà inizio Domenica 9 Febbraio e terminerà mercoledì 26, giorno successivo al martedì grasso.. Per questa occasione siamo andati alla ricerca di destinazioni dove il Carnevale viene vissuto in maniera “alternativa”, con un’impronta ecosostenibile. Continuando a leggere l’articolo scoprirai insieme a noi 4+1 destinazioni e consigli utili per trascorrere il Carnevale 2020 in modo green.

1. Carnevale di Imola

Il Carnevale di Imola si differenzia in maniera innovativa grazie alla sfilata dei “Fantaveicoli”, veicoli di diverse dimensioni e forme, i quali devono rispettare due principi fondamentali: il primo, devono essere costruiti senza limite di fantasia ed ingegno; il secondo è che i veicoli devono muoversi senza inquinare! Il risultato è una sfilata di carri alternativi costruiti nei modi più fantasiosi, messi in moto grazie alla sola forza della braccia, delle mani, del vento o addirittura grazie all’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici!

Nonostante tale iniziativa sia al passo con le tendenze degli ultimi anni, è dal 1998 che il comune di Imola promuove questo tipo di Carnevale innovativo. Negli anni l’affluenza è cresciuta esponenzialmente tanto da toccare le 20.000 presenze.

  • Quando: Domenica 23 Febbraio
  • Dove: Imola (Bologna)
  • Per saperne di più sul Carnevale di Imola, clicca qui.

2. Carnevale di Putignano

Ci spostiamo in Puglia per parlarti del Carnevale che si svolge nel meraviglioso borgo di Putignano. Di origini antichissime, le prime testimonianze risalgono infatti al 1394 ed oggi è noto per essere il Carnevale più antico di tutta Europa, ed anche uno dei più lunghi. Il suo inizio infatti prende vita il giorno 26 Dicembre per terminare poi la Domenica di Quaresima.

Le caratteristiche che lo contraddistinguono dalle altre manifestazioni sono i carri “allegorici”, che anticamente rappresentavano una divinità mentre oggi vengono utilizzati per ironizzare personaggi di attualità o vari temi. Altra peculiarità è il rigoroso utilizzo della cartapesta per costruire i carri mentre eventuali materiali alternativi sono permessi fino al 10%.

  • Quando: 9-16-23-25 e 29 febbraio
  • Dove: Putignano (Bari)
  • Per saperne di più sul Carnevale di Putignano, clicca qui.

3. Carnevale di Satriano

Si trova in Basilicata il Carnevale i cui protagonisti indiscussi sono i Rumit (eremiti), ovvero uomini vegetale o alberi vaganti, gli Urs (orsi) e la Quaremma (Quaresima). Ognuna di queste maschere ha un significato allegorico le cui radici risiedono in epoca medievale, tramandate fino ai giorni d’oggi. In particolare gli orsi rappresentano il successo e la fortuna, sono muti e vengono accompagnati da un pastore che li tiene a bada. Gli eremiti simboleggiano la povertà e si contrappongono agli orsi. Infine la Quaremma, che tiene sul capo la culla dove riposa il figlio, rappresentano le difficoltà incontrate dalle signore del passato.

Tra i Carnevali che vivono lo spirito green, quello di Satriano è uno dei più ricchi a livello simbolico e allegorico.

  • Quando: 22-23 febbraio 2020
  • Dove: Satriano di Lucania (Potenza)
  • Per saperne di più sul Carnevale di Satriano, clicca qui.

4. Il Carnevale degli Strambicoli

Chiudiamo la lista delle destinazioni del Carnevale 2020 spostandoci in Piemonte, precisamente nei comuni di Vinovo, Airasca, Volvera e None dove si festeggia il curioso Carnevale degli Strambicoli! Ricordando un po’ i Fantaveicoli di Imola, gli Strambicoli sono dei carri allegorici creati da materiali di recupero, il cui moto deve rigorosamente avvenire tramite ruote o girandole senza l’utilizzo della propulsione a motore. Anche qui ovviamente è ammessa la forza delle braccia, delle gambe, purché non sia in nessun modo inquinante.

Durante la sfilata si possono ammirare veicoli dai più strampalati ai più fantasiosi, fino ad arrivare alla premiazione del miglior Strambicolo! Per qualsiasi informazione aggiuntiva, ti consigliamo di visitare il sito della manifestazione.

  • Quando e dove: Comune di Vinovo: 22 febbraio; Comune di Volvera: 23 febbraio; Comune di Airasca: 1 marzo e Comune di None: 8 marzo
  • Per saperne di più sul Carnevale degli Stambicoli , clicca qui.

5. Consigliaci Tu un evento Green

Per la quinta meta del Carnevale ecosostenibile 2020 ci affidiamo a te! Consigliaci un evento imperdibile che conosci o in cui hai partecipato.

Consigli per trascorrere il Carnevale 2020 in maniera green

Oltre ad averti consigliato le migliori destinazioni per un Carnevale 2020 green, desideriamo elencarti anche alcune tips per viverlo con un occhio più attento all’ambiente.

  • Coriandoli e stelle filanti: anziché comprarne di glitterati o plastificati, puoi crearteli tu stesso con della semplice carta di giornale. Devi sapere che con le piogge i coloranti utilizzati per produrre quei coriandoli defluiscono verso i nostri terreni e mari contribuendo ad inquinarli.
  • Stesso discorso vale per le maschere che sono preferibili in carta anziché in plastica. Se cerchi consigli vedi le mille idee su Pinterest.
  • I palloncini, nonostante siano in lattice, materiale biodegradabile, sono colorati con additivi chimici dannosi per l’ambiente. Inoltre sarebbe preferibile evitare quelli ad elio che nel caso spicchino il volo, possono andare a finire nei mari e nei boschi.
  • Infine, per preparare al meglio il tuo costume, prima di acquistarne uno nuovo, ti consigliamo di fare un ricerca nel tuo armadio: probabilmente troverai abiti vecchi o poco utilizzati perché fuori moda, magari perfetti per fare un figurone ad una festa in maschera!

Conoscevi già una delle 4 destinazioni che ti abbiamo consigliato e ne hai altre da consigliarci? Hai inoltre altre buone pratiche da suggerirci per un Carnevale 2020 green? Lascia un commento e restiamo in contatto!

Travel

10 idee per i tuoi regali di Natale ecosostenibili

Regali di Natale originali

Le strade si stanno illuminando a festa e le piazze si riempiono di alberi addobbati con mille palline colorate: è ufficialmente arrivato il periodo natalizio! Il 24 Dicembre si avvicina e se non hai idee su cosa regalare alle persone care, leggi il nostro articolo per trovare spunti ed idee per regali di Natale originali!

Spesso riceviamo oggetti a volte inutili e, a nostra volta, non sappiamo cosa regalare. Molti dei prodotti che acquistiamo vengono fatti con materiali, come la plastica che, finendo nel pattume, non fa che aumentare l’emergenza rifiuti, di cui tutti noi sentiamo parlare quotidianamente. Se anche tu come noi, sei stanco di ricevere e di regalare calzini, deodoranti e shampoo assortiti, ti suggeriamo una lista di 10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili!

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala un albero da frutto grazie a Biorfarm

regali di Natale originali

Chi ha detto che dobbiamo essere dei veri e propri agricoltori per coltivare un albero da frutto? Grazie a Biorfarm hai la possibilità di regalare un albero coltivato da piccoli agricoltori biologici sparsi in varie parti d’Italia e, chi riceve il tuo dono, potrà seguire la sua coltivazione passo dopo passo, attraverso fotografie che invierà l’agricoltore stesso. Il bello e buono di questo regalo, originale ed ecosostenibile, è che si riceve frutta fresca biologica appena raccolta, direttamente a casa.

Abbiamo testato in prima persona la qualità e il servizio di Biorfarm, grazie al regalo di laurea che mi hanno fatto i miei amici. Ci sono arrivati a casa due profumati pacchi: il primo a luglio di pesche gialle del Piemonte (mai mangiate pesche così buone!) e il secondo, la scorsa settimane, con le belle mele rosse della Val di Non. Non vi dico i dolci e le merende a base di mele e cannella che stiamo preparando!

Un regalo così crea valore e vantaggi per tutti: sostieni il lavoro dei piccoli agricoltori italiani biologici, aiuti il pianeta grazie alla CO2 assorbita dall’albero ed allo stesso tempo regali un’esperienza unica che dura tutto l’anno.

Giuseppe Cannavale, fondatore di Biorfarm


Biorfarm ha gentilmente creato uno sconto del 10% dedicato ai nostri lettori. Inserisci il coupon “italy10” al momento dell’acquisto.


10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Adotta un albero grazie a Treedom

regali di Natale originali

Online ci sono diversi servizi che ti permettono di adottare un albero, contribuendo alla riforestazione del pianeta, riducendo l’impatto delle emissioni di CO2 nell’aria. Tra questi, ti segnaliamo Treedom, una startup italiana, con sede a Firenze, che ti permette di adottare un albero a distanza. Ogni albero ha la sua pagina online, viene geolocalizzato e fotografato durante l’intero ciclo di sviluppo. Il progetto di Treedom ha un alto valore sociale, oltre che ambientale, in quanto tutti gli alberi vengono piantati direttamente da contadini locali ,contribuendo così a produrre benefici economici per le popolazioni del luogo. 

Per il periodo natalizio Treedom ha creato delle Limited Edition speciali: Baobab (il preferito di Simone), Mangrovia Nera e l’albero del Caffè in Kenya, sono solo un esempio di quello che puoi trovare nel sito! La cosa che più ci piace di questo progetto è che ogni albero presente possiede una descrizione personalizzata. Ad esempio, sapevi che l’Avocado significa “creatività” e assorbe 50 kg di CO2 in 1 anno?

Una foresta nasce da singoli alberi, un grande cambiamento nasce dalle azioni dei singoli individui. Le nostre azioni, qui e adesso, plasmeranno il nostro futuro.

#LetsGreenThe Planet – Treedom

Treedom ha messo a disposizione per te un codice sconto del 15% da utilizzare su tutto il carrello, per una sola volta, fino al 31 Dicembre. Inserisci il codice sconto “ITALY15”.


10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala un libro che parli di sostenibilità

Per chi ama leggere libri, riceverne uno tra i regali di Natale è sempre una piacevole sorpresa. Quest’anno puoi valutare di regalare un libro che parli di ecosostenibilità, contribuendo a sensibilizzare i tuoi amici ed i tuoi cari su questo tema. Uno dei libri che abbiamo letto e che ti consigliamo di regalare (e leggere) è “La famiglia zero rifiuti (o quasi)” di Jèrèmie Pichon e Bènèdicte Moret. Un piccolo manuale con trucchi e consigli pratici per ridurre il tuo impatto quotidiano sull’ambiente. Un libro uscito recentemente e che sta riscuotendo molto successo, è “Possiamo salvare il mondo prima di cena” di Jonathan Safran Foer. La critica lo definisce “un libro che arriva dritto al cuore, un libro necessario e che non lascia indifferenti”.

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala prodotti tipici

regali-di-Natale-originali

Chi ha detto che i regali di Natale debbano necessariamente essere degli oggetti? Valuta di regalare le tipicità del luogo, magari acquistando da produttori locali oppure da piccoli agricoltori biologici. Ad esempio abbiamo recentemente scoperto che Mirandola, in provincia di Modena, è famosa per un dolce natalizio golosissimo brevettato dalla pasticceria “Busuoli”: la Mirandolina. Quale miglior regalo se non un dolce tipico regionale? Siamo sicuri che sarà apprezzato da tutti! Infatti, i regali che preferiamo fare sono proprio quelli a tema cibo, come ad esempio i vasetti di miele, presi da apicoltori locali. In questo modo, oltre a sostenere gli imprenditori del settore agricolo, contribuiamo alla sopravvivenza delle api!

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala un’esperienza

regali di Natale originali

Per chi ama viaggiare, come te che stai leggendo questo articolo, cosa c’è di meglio che regalare un viaggio? La scelta per tale regalo non ha praticamente limiti! Mare, montagna, città d’arte, Europa, America… e Italia! Esatto, non dimenticare di scegliere l’Italia come meta per i regali di Natale! Se hai bisogno di consigli sui luoghi e le attrazioni da scegliere, puoi navigare sul nostro blog per trovare l’ispirazione giusta! Non è detto però che per esperienza si intenda solamente il viaggio. Potresti regalare anche altri tipi di esperienze, come ad esempio biglietti per il cinema, teatro e perché no anche per il concerto del suo artista preferito.

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala un quadro fatto di cartone grazie a Tonki

Uno dei regali di Natale più originali, secondo noi, sono i ricordi indelebili che puoi donare alle persone che ami. Per questa idea ti consigliamo Tonki, un modo originale di stampare le foto con un occhio all’ambiente. Infatti, il materiale con cui è composta la cornice è 100% cartone riciclato, presagomato e pronto per essere montato e appeso sulla parete di casa! Un’idea regalo originale, ed ecosostenibile, perfetta per gli amanti delle fotografie…e non solo.

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala qualcosa di utile e riutilizzabile

reagali-di-natale-originali
Foto di Maël BALLAND da Pexels

Riutilizzabile è la parola d’ordine se si vuole ridurre la quantità dei nostri rifiuti. Perché allora non optare, tra i regali di Natale, per qualcosa che possa essere riutilizzato più volte? C’è solo l’imbarazzo della scelta! Si spazia dalle colorate shopper per la spesa in bioplastica alle borraccia ecologiche, utilissime per chi è spesso fuori casa. Un sito che ti consigliamo per i tuoi regali di Natale è Etsy, un e-commerce dove sono presenti creativi di tutto il mondo e dove potrai trovare pezzi unici, frutto della creatività e del riciclo dei materiali.

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala prodotti di artigianato locale

regali di natale originali
Foto di Sharon Ang da Pixabay

Se c’è un modo migliore per sostenere i piccoli produttori e artigiani, senza dubbio è quello di acquistare i loro prodotti. I vantaggi di questa scelta sono molteplici: regalerai un oggetto unico, diverso da tutti gli altri, proprio perché fatto a mano, contribuirai a tener vivo il made in Italy e darai sostegno a piccoli imprenditori ed alle loro famiglie.

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala qualcosa fatto con le tue mani

Quanto è piacevole creare con le proprie mani qualcosa da regalare alle persone che ami? Anche se ti consideri negato/a, su Pinterest puoi trovare moltissime idee, spiegate passo passo. La scelta è veramente infinita! Puoi anche riutilizzare oggetti che solitamente finiscono nel pattume, come confezioni di carta, bottiglie vuote, bicchieri e vasetti. Cerca su Pinterest “Diy xmas gifts”. Troverai sicuramente l’idea che più ti piace!

10 idee per i tuoi regali di Natale originali ed ecosostenibili. Regala prodotti beauty ecobio

Per le donne, ma anche per i maschietti, sarà sicuramente piacevole ricevere tra i regali di Natale, prodotti per la cura del corpo. Perché non approfittare, regalando ad esempio creme per il viso e per il corpo, fatti con ingredienti ed attivi biologici? Farai felice sia chi riceve il regalo che l’ambiente! Online, e nella tua città, troverai sicuramente la tua bioprofumeria di fiducia.

Hai trovato qualche ispirazione per i tuoi regali di Natale? Qual è l’idea che più ti ha colpito?

Lifestyle

Viaggi e sostenibilità ambientale

Api selvatica, Viola

Viola ed Api Selvatica: storia di una giovane apicoltrice

Siamo sempre stati sicuri che, se i social venissero usati con i giusti presupposti, sarebbero uno strumento per avvicinare tante persone diverse ma legate da ideali e passioni comuni. Nell’ultimo anno infatti abbiamo incontrato persone meravigliose, alcune delle quali sono diventate veri e propri Amici! Anche stavolta, seguendo le interessanti storie di Chiara Carolei ( www.conunviaggionellatesta.it ), mentre parlava di sostenibilità ambientale, in particolare dell’importanza della spesa a chilometro zero, un suo follower le ha segnalato Api Selvatica. Essendo a favore delle iniziative che trattano la sostenibilità ambientale a 360°, Elisa si è subito messa in contatto con Viola, la protagonista del progetto Api Selvatica, chiedendole di poterla conoscere insieme alle sue api.

Sostenibilità ambientale. Api al lavoro nell'arnia per produrre miele biologico
Api a lavoro all’interno dell’arnia

Devi sapere che le api svolgono un ruolo di fondamentale importanza per il mantenimento della biodiversità e della conservazione della natura. Basti pensare che il 35% del cibo prodotto dipende dall’impollinazione entomofila (operata dagli insetti), ed in questo caso le api giocano un ruolo da protagoniste per la sostenibilità ambientale. Ora più che mai questi piccoli impollinatori sono minacciati dall’uomo a causa dei cambiamenti climatici. Difendiamo le Api!

Viaggi e sostenibilità ambientale. La storia di Viola e Api Selvatica

In una notte di giugno di frenetica impazienza, felicità onirica e un po’ di paura Api Selvatica diventa realtà: le prime dieci famiglie di api attraversando gli appennini arrivano a casa e, in un angolo nascosto tra le colline di Modena, iniziano a ronzare

Viola Servi, Api Selvatica
Sostenibilità ambientale: miele biologico di Api Selvatica
La protagonista del nostro articolo: Viola Servi

Le storie di successo solitamente sono le facce di due medaglie: la prima, quella visibile a tutti, è composta dall’essere riusciti a raggiungere l’obiettivo prefissato. La seconda, che rimane nascosta, rappresenta invece tutti i sacrifici, le rinunce e le incertezze che hanno contribuito ad ottenere quel successo. Ascoltando la storia di Viola, siamo rimasti colpiti da come, prima di arrivare a quello che oggi è Api Selvatica, si siano susseguiti diversi eventi che l’hanno portata a fare tale scelta. L’esperienza nell’azienda vitivinicola in Nuova Zelanda nel 2015, il ritorno in Italia un anno dopo con la consapevolezza e la voglia di creare un progetto personale, fino ad arrivare ad acquistare le prime dieci famiglie di api.

Oggi Api Selvatica conta ben 100 arnie, sparse in vari punti dell’appennino modenese, e produce miele secondo i principi del metodo biologico. Protagonista di tale produzione è l’Apis Mellifera Ligustica, sottospecie italiana dell’Apis Mellifera. Noi abbiamo avuto la fortuna di visitare alcune delle sue colonie di api e di vivere una giornata da veri apicoltori.

Una mattinata da apicoltori

Elisa e Simone foto con Viola dopo aver visto le api
Prima di incontrare le api, l’emozione e la curiosità era alle stelle

Dopo esserci dati appuntamento davanti al suo laboratorio, ci siamo diretti con Viola sulle colline modenesi, dove tiene appunto alcune delle arnie. Appena arrivati, prima di poterne aprire una, abbiamo indossato una delle tipiche tute protettive, per impedire eventuali punture d’api.

Api nel telaio
Un telaino con centinaia di api al suo interno

Appena aperta la prima arnia, siamo rimasti increduli nel vedere tutte quelle api così da vicino, dove l’unico rumore udibile era il loro ronzio all’unisono. Mentre Viola procedeva alla fumigazione, utilizzata per calmare le api, ci spiegava come è strutturato all’interno un alveare, mostrandoci le varie differenze tra i “maschi”, detti fuchi, con le operaie e la regina. Una delle emozioni più belle, mista a stupore, è stata quella di aver visto nascere una piccola ape!

Dopo aver accudito le api, ci siamo spostati nel laboratorio, dove Viola ci ha mostrato i procedimenti per ottenere il miele in vasetto che tutti conosciamo!

Come si ottiene il miele?

Le fasi di lavorazione che portano al prodotto finito, ovvero il miele pronto per essere gustato, sono molteplici. La prima è l’estrazione dei melari, luogo dove le api accumulano il miele, che Viola porta nel suo laboratorio, per poi essere disopercolati, permettendo così la fuoriuscita del miele. Dopo questa fase abbastanza delicata, Viola inserisce i telaini disopercolati nello smielatore, che grazie alla forza centrifuga permette la fuoriuscita del miele che verrà convogliato nei maturatori. Prima dell’operazione finale di invasettamento, il prezioso miele di Api Selvatica subisce una filtrazione, per eliminare sostanze indesiderate, e una fase di decantazione, dove il miele riposa.

Il miele ora è ufficialmente pronto per essere gustato!

Zafferano biologico sul terreno
Una timida piantina di Zafferano che spunta dal terreno

Infine, prima di salutare Api Selvatica, abbiamo raggiunto il campo di zafferano, attivo già da tre anni, situato in un contesto naturale magnifico, circondato da una foresta di castagni. Qui è stato anche il luogo ideale per scattare delle foto ai preziosi barattoli di miele, tre dei quali ci sono stati gentilmente offerti da Viola. Uno è un miele millefiori, l’altro è di tiglio e l’ultimo di castagno. Non ti nascondiamo che, appena arrivati a casa, abbiamo subito aperto il millefiori per assaggiarlo. Ebbene, già dalla prima cucchiaiata, abbiamo assaporato il gusto autentico del miele con un piacevole sentore di cannella. Una vera prelibatezza!

Il valore dell’esperienza di Api Selvatica

Sostenibilità ambientale

La nostra esperienza da “apicoltori”, a nostro parere, è stata fondamentale per capire come imprenditrici consapevoli, di cui Viola ne è protagonista, contribuiscano a salvaguardare il territorio e la sua biodiversità, in favore della sostenibilità ambientale.

La sostenibilità ambientale non è solo “buone pratiche da seguire” ma significa anche dare voce e volto a coloro che ogni giorno credono nel rispetto e nel valore della natura.

Tra le distrazioni di un Mondo sfuggevole Api Selvatica è un invito a fermarsi e riflettere, a ritornare con il pensiero alla Terra, perché allevare api, coltivare i campi, è scoprire e respirare il territorio a cui si appartiene, con la pazienza dell’Osservatore curioso, che si emoziona ogni volta che dopo l’inverno sboccia il primo fiore. È voler bene alle proprie radici.

Viola Servi, Api Selvatica

Ti invitiamo a visitare il sito di Api Selvatica, dove puoi trovare la storia dell’azienda, le produzioni di miele e zafferano, ed alcune ricette per gustare al meglio questi due prodotti.

Curiosità: il logo di Api Selvatica è composto da 5 foglie di tiglio ed al centro l’ape con lo sfondo di colore giallo, rappresentante la luce del sole.

Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di novembre 2019 indetto dal blog Trippando.