Italia Like a Local

Pordenone – quattro passi con Insolitotramtravel

Pordenone

Pordenone, città nel nord est dell’Italia famosa per una citazione di Checco Zalone in uno dei suoi film e per una pagina di Nonciclopedia davvero ben strutturata. Questo, forse basterebbe a descrivere quanto di interessante c’è da fare in questa città. Pensate che è attiva al punto tale da essere etichettata, dai suoi stessi cittadini “Pordenoia”…eppure forse non è proprio così.

Ciao, sono Christian, fiero originario di Pordenone e realizzatore del blog InsolitoTramTravel e sono qui, oggi, nelle vesti di promotore di una città tanto ignota quanto caruccia!

Mettiamo subito i puntini sulle i…se uno straniero mi chiedesse cosa visitare in Italia, di sicuro Pordenone non sarebbe neppure nella top 50. Questo non per colpa della sua bruttezza, ma perchè la competizione, in Italia, è spietata. E’ come se, che ne so, il Pordenone Calcio dovesse giocare contro l’Inter in coppa Italia e sperare di competere…ah cosa dite, ha quasi rischiato di vincere? Ohibò, ecco un altro motivo per cui Pordenone è diventata famosa! Ok, basta divagare, andiamo subito a dare un’occhiata alla città.

Pordenone in pillole

Partiamo da qualche dato storico/geografico/demografico. Capoluogo di provincia a partire dal 1968 (anno di nascita di mia mamma…oh, sto divagando ancora scusate) grazie alla forte spinta industriale della Zanussi, Pordenone conta, ad oggi, oltre 50.000 abitanti. Ad essi vanno aggiunti quelli delle confinanti città di Porcia e Cordenons che vanno a creare un agglomerato urbano di circa 80.000 abitanti…mica bruscoletti!

Ora come ora, essendo state abolite le provincie in Friuli Venezia Giulia, fa parte della UTI (Unità territoriale intercomunale) del Noncello. Il Noncello non è altro che il fiume sul quale sorge la città, al quale deve il suo nome latino “Portus Naonis” (porto sul Naone – ora Noncello).

Risiede stabilmente nella top 10 delle città più vivibili d’Italia! Quindi, venite a Pordenone! Abbiamo le caramelle!

Cosa vedere a Pordenone

I due corsi

Il centro storico di Pordenone si snoda davvero in un fazzoletto di territorio composto dai 2 corsi principali (corso Garibaldi e corso Vittorio Emanuele) lungo i quali è possibile ammirare diversi palazzi storici di diversa età.

Il municipio e la chiesa di San Marco

Tra i diversi palazzi storici si contraddistingue il palazzo del Municipio, posizionato all’inizio di corso Vittorio Emanuele, in posizione antistante alla chiesa di San Marco (di seguito una foto del campanile).

View this post on Instagram

🇮🇹 Italiano Oggi facciamo un piccolo strappo e torniamo un attimino a casa, a Pordenone! Città poco nota e spesso bistrattata peggio del Molise anche dagli stessi pordenonesi che la definiscono "pordenoia". Tuttavia il centro cittadino, visitabile in 30 minuti netti, offre diversi scorci che ne rendono la visita meritevole! Nel caso in cui vi troviate a passare di qua, beh, dategli una chance! 🙂 . 🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹 . 🇺🇸 English Today we want to bring you back to our hometown: Pordenone. A little and not really known city in the north east of Italy that, despite being really small. offers different point of interest! If you end up here, give it a chance! You won't regret it! . 🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹 . #weareitaliantravellers #wandertheworld #igerspordenone #naturephotographer #visiteurope #italia_dev #beautifulitaly #igersfvg #volgofriuliveneziagiulia #travelbloggers #italian_trips #italia365 #traveleurope #europe_vacations #natgeowild #travelwriter #welltravelled #volgoitalia #top_italia_photo #yallersitalia #volgopordenone #ig_europa #borghiitaliani #living_Europe #instaitalia #igersitalia

A post shared by Chris & Ele insolitotramtravel (@insolitotramtravel) on

Piazza XX settembre e il teatro Verdi

Poco distante troviamo Piazza 20 Settembre, la piazza principale della città, dove vi sono la biblioteca (moderna) e il monumento ai caduti della guerra. Letteralmente a 40 passi di distanza troverete anche il nuovo teatro Verdi. Il teatro è il centro nevralgico e culturale della città nonchè vero e proprio punto di riferimento per gli abitanti della città.

teatro verdi pordenone

Altre chiese storiche

Degni di nota sono anche il convento di san Francesco, poco distante dal teatro Verdi e la chiesa della Santissima, costruita a ridosso del fiume Noncello. Per questo motivo è stata spesso vittima della violenza della natura che ne ha lasciato segni indelebili sia all’interno che all’esterno.

Poco distante c’è anche il bellissimo Santuario della Madonna delle Grazie, situato di fronte alla fiera cittadina.

Oltre a quelle citate ci sarebbero diverse altre chiese, come in ogni città Italiana che si rispetti, ma quelle elencate sopra sono le più belle e degne di una visita (nonchè le più facilmente raggiungibili)

Altri luoghi di interesse

Poco distante dal centro trovate i 3 principali parchi cittadini “Parco Galvani” e “Parco san valentino” ideali per una fresca passeggiata ed un riposino dopo l’estenuante visita della città!

parco pordenone

A dieci minuti dal centro in auto vi troverete nel quartiere di “Torre” dove si erge un castello sede di rievocazioni annuali e dove è stato costruito l’Humus Park, un parco dedicato ad installazioni naturali.

Cosa fare a Pordenone

Un osservatore poco attento potrebbe rispondervi “NIENTE” ed in effetti non sarebbe da biasimare…eppure…EPPURE…

Pordenonelegge

Una delle manifestazioni letterarie più grandi d’Italia nonchè la più sentita in città. Raduna appassionati, autori ed esperti di statura nazionale ed internazionale. La chermesse davvero ricca di fermento votata completamente alla cultura (non solo letteraria ma anche scientifica).

Naoniscon

Fiera ritenuta (non mi ricordo da chi, ma di sicuro uno importante) tra le più belle sul tema. Si tiene a maggio e tratta di fumetti, giochi da tavolo e cosplay. Se ci passate fate un fischio che ci troverete pure noi (non ne ho saltata una fin dal millenovecentocredici).

A novembre si tiene anche il gamecon, estensione della grande fiera di Milano, ma non altrettanto sentita come il Naoniscon, nel quale tutte le entità locali danno il meglio di se.

Giornate del cinema muto

Altra manifestazione molto importante, soprattutto per gli appassionati della nicchia. Ecco, qui non mi trovate, ma se siete appassionati so che è davvero meritevole.

Fiera del radio amatore

Un’altra fiera che accoglie un folto seguito da tutto il triveneto è la fiera del radio amatore, dedicata, come suggerisce il nome, ai pappagalli ma estesasi poi a tutto ciò che concerne la tecnologia (scherzavo eh, non è mai stata dedicata alla tecn…ai pappagalli 😂😂)

Conclusioni

Beh ragazzi, questa é, in poche parole, la città di Pordenone. Non che siano necessarie tante più parole, ma speriamo di aver suscitato un pizzico di interesse verso la nostra città. Sinceramente, vi consigliamo una visita di circa mezza giornata, magari inserita in un percorso più ampio che copra diverse zone del Friuli Venezia Giulia. Se avete bisogno di ispirazioni vi invitiamo a passare nel nostro blog dove, piano piano, a giuste dosi, descriviamo diverse zone, più o meno note, della regione (come, per esempio, la Carnia). Ringraziamo i ragazzi di italy you don’t expect per questo spazietto che hanno dato a noi e alla nostra città natale!

Insolitotramtravel
Insolitotramtravel
Ti irritano le solite foto stupende? Non sopporti posti esotici e hotel da urlo? 😂 Beh da noi non avrai niente di tutto ciò! Noi siamo di Pordenone!! 😛 Ah, ti stai chiedendo come ci chiamiamo? Christian ed Elena, molto piacere!
Lascia un Commento